Convivendo con gli altri

Continui a stare nel deserto

- Perchè vive nel deserto?

- Perchè non riesco a essere quello che desidero. Quando comincio a essere me stesso, le persone mi trattano con una falsa riverenza. Quando sono autentico rispetto alla mia fede, allora è il momento che cominciano a dubitare. Tutti credono di essere più santi di me, ma si fingono peccatori per paura di offendere la mia solitudine. Cercano di dimostrare continuamente che mi considerano un santo. E così si trasformano in emissari del demonio, tentandomi con l’Orgoglio.

- Il suo problema non è tentare di essere chi è veramente, ma accettare gli altri come sono. E agendo così, è meglio che lei continui a stare nel deserto – disse il cavaliere allontanandosi.

 

Perdonando i nemici

L’abate domandò all’allievo come andava il suo progresso spirituale. Questi rispose che stava riuscendo a dedicare a Dio tutti i momenti della giornata.

- Allora, ti manca solo di perdonare i tuoi nemici.

Il ragazzo ne rimase colpito:

- Ma io non provo rabbia per i miei nemici!

- Pensi forse che Dio provi rabbia verso di te?

- Certamento no!

- Eppure tu chiedi il Suo perdono, non è vero? Fai lo stesso con i tuoi nemici, anche se per loro non provi odio. Chi perdona, sta lavando e profumando il proprio cuore.

 

Perchè lasciare l’uomo per il sesto giorno

Un gruppo di saggi si riunì per discutere l’opera di Dio: volevano scoprire perchè avesse lasciato la creazione dell’uomo per il sesto giorno.

- Egli pensava di organizzare bene l’Universo, in modo che potessimo avere tutte le meraviglie a nostra disposizione – disse uno.

- Egli volle fare prima alcune prove con gli animali, in modo da non commettere gli stessi errori con noi – sostenne un altro.

Un saggio ebreo si presentò all’incontro. Gli fu comunicato il tema della discussione: “a tuo parere, perchè Dio lasciò la creazione dell’uomo per l’ultimo giorno?”

- Molto semplice – rispose il saggio. – Perchè, quando fossimo toccati dall’orgoglio, potessimo riflettere: persino una semplice mosca ebbe la priorità nel lavoro Divino.

 

Il regno di questo mondo

Un vecchio eremita fu invitato una volta ad andare alla corte del re più potente di quell’epoca.

- Io invido un uomo santo, che si accontenta di così poco – commentò il sovrano.

- Io invidio la Maestà Vostra, che si accontenta di meno di me. Io ho la musica delle sfere celesti, ho i fiumi e le montagne del mondo intero, ho la luna e il sole, perchè ho Dio nella mia anima. Vostra Maestà, invece, ha soltanto questo regno.

 

Qual è il miglior cammino

Quando domandarono all’abate Antonio se il cammino del sacrificio conduceva al cielo, questi rispose:

- Esistono due cammini di sacrificio. Il primo è quello dell’uomo che mortifica la carne, fa penitenza, perchè pensa che siamo condannati. Quest’uomo si sente colpevole, e si giudica indegno di vivere felice. In questo caso, egli non arriva da nessuna parte, perchè Dio non dimora nella colpa.

“Il secondo cammino è quello dell’uomo che, pur sapendo che il mondo non è perfetto come tutti vorremmo che fosse, prega, fa penitenza, offre il proprio tempo e il proprio lavoro per migliorare l’ambiente che lo circonda. In questo caso, la Presenza Divina lo aiuta perennemente, ed egli ottiene dei risultati nel Cielo”.

 

Il lavoro nei campi

Il giovane attraversò il deserto e, finalmente, giunse al monastero di Sceta. Lì, chiese di assistere ad uno dei discorsi dell’abate – ottenendone il permesso.

Quel pomeriggio, l’abate incentrò il suo discorso sull’importanza del lavoro nei campi.

Alla fine, il ragazzo commentò con uno dei monaci:

- Sono rimasto molto colpito. Pensavo che avrei sentito un sermone illuminato sulle virtù e i peccati, mentre l’abate parlava solo di pomodori, irrigazione, e cose del genere. Nel posto da cui vengo, tutti credono che Dio sia misericordia: basta pregare.

Il monaco sorrise, e rispose:

- Qui, noi crediamo che Dio abbia già fatto la Sua parte: ora tocca a noi continuare il processo.

Comments

  1. Timcu Eliza says:

    grazie che avete scelto la scrittura come mestiere e che per caso sono riuscita a trovare i vostri consigli.Mi avete aiutato più di quanto vi potete imaginare.
    Con rispetto Timcu Eliza

  2. MG says:

    Lavare e profumare il proprio cuore non è cosa facilissima. Esiste il senso di colpa, esiste il senso del perdono, ed io credo esista un non-senso in tutto questo. Non esiste la “colpa” non dovrebbe neanche esistere il “perdono”. Ci sono sentimenti fortissimi e molto negativi nei confronti di situazioni o persone ma questo non credo sia “odio”. Perdonare chi o cosa? Ognuno è libero di agire e pensare come meglio può o meglio crede. Spesso vengo additata come “giudice supremo”, colei che emana sentenze senza possibilità di appello alcuno, soprattutto quando ricevo “tradimenti” di vario genere. La mia, come quella di molti, credo sia una reazione anche istintiva ma non di giudizio, bensì di autoprotezione. Seguire la propria coscienza non vuol dire ergersi a giudice, seguire la propria coscienza non vuol dire appartenere a moralismo cattolico o integralismo religioso o politico, seguire la propria coscienza per me vuol dire forse seguire il “mio comandamento” che è essere onesti e soprattutto leali con sè stessi e con gli altri. Ognuno segue la propria coscienza ed è inevitabile che in questo mondo ce ne siano talmente tante e diverse che diventa impossibile “convivere” in modo pacifico.
    Caro Paulo è vero che Gesù ha detto “amate i vostri nemici” ma non credo si possa “convivere” con persone che hanno una coscienza completamente diversa dalla tua..e non per questo devono essere considerati “nemici”.
    Buona vita a tutti

    1. Giorgia says:

      Impari qualcosa di nuovo da chi è diverso da te, non da chi ti assomiglia.
      Il nostro nemico è il nostro miglior maestro.
      Credo che impariamo ad amarci totalmente quando abbiamo il coraggio di relazionarci con chi è diverso da noi, con chi la pensa in modo diverso dal nostro, per far crescere la tolleranza, il rispetto e la pazienza.
      E’ nella diversità che l’uomo si evolve.
      Altrimenti resta fermo dov’è.

  3. Quennie says:

    It is important to write about something you know. And yet each attempt scares me–-even when it should be easy to write about what is familiar. I certainly have a long way to go.

  4. Quennie says:

    It is important to write about something you know. And yet each attempt scares me–even when it shoulld be easy to write about what is familiar. I certainly have a long way to go.

  5. Leaf says:

    my beautiful English language teacher; Patience, said, always write about what you know…my art teacher said paint what you see not what you know…love mr moderator.