Edizione nº 154 : Scambiando suoni per colori

– Fermiamoci un po’. Non sopporto questo colore arancione!

Dov’è il colore arancione? Ci troviamo a Trastevere, a Roma, e io vedo solo i bar, le persone per la strada in questo inizio di primavera gelato, e le campane della chiesa che suonano. Ormai è quasi sera di un giorno nuvoloso, sicché non si puí² neppure dare la colpa al sole per questa illusione ottica.

Sto camminando con un’attrice che conosco ormai da qualche tempo, ma con la quale non ho avuto prima l’occasione di conversare abbastanza. Mi fermo come ha chiesto lei, ma solo per educazione, giacché quella donna equilibrata, professionale, dev’essere pií¹ matta di quanto io pensassi.

Entriamo in un ristorante per cenare. Ordiniamo risotto al tartufo e un buon vino. Parliamo della vita, e di nuovo un commento assurdo:

– Questo cibo è rettangolare!

Lei nota la mia espressione di stupore. Cibo rettangolare?

– Starai pensando che sono matta, ma non lo sono. C’è stato un momento della mia vita in cui ho creduto di essere daltonica (chi confonde un colore con un altro). Sono andata dal medico e ho scoperto di avere un disturbo neurologico comune.

Tornato a casa, ho cominciato immediatamente a fare ricerche nel computer e sono rimasto sorpreso da qualcosa di cui non avevo mai sentito parlare nella mia vita: sinestesia. Una condizione in cui uno stimolo di un determinato senso provoca la percezione in un altro. Chi soffre di questo tipo di disturbo confonde i suoni con gli odori, la visione con il gusto, i colori con il tatto (non necessariamente in questa logica).

Alcuni studi scientifici affermano che la visione di auree negli esseri umani sia nata proprio cosí¬: io non concordo con questi studi, penso piuttosto che tutti noi abbiamo realmente un corpo astrale che puí² essere visto quando si altera la percezione. Ma cií² che pií¹ mi ha attirato nella ricerca è stato scoprire che quello che percepiamo attraverso i nostri cinque sensi non è una verití  assoluta. Le persone sinestesiche hanno una nozione del mondo completamente distinta dalla nostra, anche se questo non impedisce loro di condurre una vita relativamente normale. La mia amica attrice lavora nella TV italiana tutti i giorni, e dice che ha finito per abituarsi.

Approfondendo la ricerca, ho scoperto uno studio sulla rivista britannica “Cognitive Neuropsychology”. Una équipe di ricercatori dell’University College di Londra, guidata dal Dottor Jamie Ward, si è spinta oltre: alcuni sinestesici possono percepire i colori in parole cariche di emozione, come “amore” o “figlio”. La grande maggioranza di loro finisce per associare il nome di qualcuno a una determinata tonalití . Ward descrive il caso di una giovane, identificata come G.W., che per il semplice fatto di udire determinati nomi, aveva il campo visivo del tutto coperto da un determinato colore associato a quella parola.

In una rivista d’arte, apprendo che le aureole che vediamo intorno alle teste dei santi potrebbero essere state create da qualche pittore sinestesico nell’antichití  ed essere state poi ripetute da altri senza che nessuno si domandasse il motivo di quel cerchio di luce. Il premio Nobel per la Fisica del 1965 ha detto una volta in una intervista: “quando scrivo equazioni sulla lavagna, noto i numeri e le lettere in colori diversi”. Si afferma in un articolo che Feynman fa parte di un gruppo di persone per le quali il numero due puí² essere giallo, la parola automobile ha il sapore della gelatina di fragole e una certa nota musicale evoca l’immagine del cerchio.

Ward dice che la sinestesia non è assolutamente una malattia: “al contrario di chi presenta dei disturbi psichiatrici, il sinestesico non ha alcuna funzione di base compromessa, bensí¬ mostra un sintomo positivo, assente nella maggior parte degli altri esseri umani”. Il grande problema sono i bambini in etí  scolare, che non riescono a capire il motivo per cui sentono le cose in maniera diversa dagli altri.

Con mia grande sorpresa, alcuni studi indicano che una persona su 300 è sinestesica (per quanto la maggioranza dica che il rapporto è di una su 2.000).

Il giorno seguente ho telefonato alla mia amica e le ho domandato che sensazione associasse sempre alla mia persona. “Dolce” è stata la sua risposta.

Beh, non sempre nella sinestesia c’è una logica.

tags technorati :