Edizione nº 177 – Per che cosa le donne pensano che le amiamo

In questo caso, il titolo della newsletter è improprio. Poiché nel Guerriero della Luce Online precedente ho detto che mi rifiutavo di scrivere sulle ragioni per le quali gli uomini amano le donne (sarei stato considerato uno scrittore sudamericano machista, che disprezza i movimenti di liberazione dell’altro sesso), una lettrice di nome Julia ha deciso di farlo per me. Quindi, abbiamo la versione femminile del perché noi amiamo le donne. Ovviamente non sono d’accordo con tutto, ma questa è una tribuna (relativamente) libera. Leggiamo dunque quello che Julia ha da dirci:

Noi uomini amiamo le donne perché loro si credono ancora delle adolescenti, anche quando sono invecchiate.

Perché sorridono ogni volta che passano accanto a un bambino.

Perché camminano erette per la strada, guardando sempre avanti, e non si girano mai per ringraziare o ricambiare un sorriso e il complimento che rivolgiamo loro quando passano.

Perché a letto sono audaci, non perché abbiano una natura perversa, ma perché desiderano piacerci.

Perché fanno tutto cií² che è necessario perché la casa sia in ordine e perfetta, e non si aspettano mai un riconoscimento per il lavoro fatto.

Perché non leggono riviste pornografiche.

Perché si sacrificano senza reclamare in nome dell’ideale di bellezza, affrontando depilatori, iniezioni di botox, macchine minacciose nelle palestre.

Perché preferiscono mangiare insalate.

Perché si disegnano e dipingono i visi con la stessa concentrazione di un Michelangelo all’opera nella Cappella Sistina.

Perché se desiderano sapere qualcosa sul proprio aspetto, si rivolgono ad altre donne e non ci disturbano con questo genere di domande.

Perché hanno delle loro maniere personali di risolvere i problemi, che noi non capiamo mai e che ci fanno impazzire.

Perché hanno compassione e dicono “io ti amo” proprio quando cominciano ad amarci di meno, per compensare quello che stiamo sentendo e notando.

Perché a volte si lamentano di cose che anche noi sentiamo, come raffreddori e dolori reumatici, e in questo modo capiamo che sono persone uguali a noi.

Perché scrivono romanzi d’amore.

Perché mentre i nostri eserciti invadono altri paesi, loro si mantengono salde nella loro guerra privata e inspiegabile per distruggere tutti gli scarafaggi del mondo.

Perché si sciolgono quando ascoltano i Rolling Stones che cantano “Angie”.

Perché sono capaci di andare a lavorare vestite come gli uomini, nei loro delicati tailleur pantaloni, mentre mai nessun uomo ha osato fare lo stesso mettendosi le gonne.

Perché nei film – e soltanto nei film – le donne non fanno mai il bagno prima di fare l’amore con i loro partner.

Perché riescono sempre a trovare un difetto convincente quando diciamo che un’altra donna è bella, e in cosí¬ ci rendono insicuri per quanto riguarda il nostro gusto.

Perché realmente prendono sul serio tutto quello che accade nella vita privata delle celebrití .

Perché riescono a fingere gli orgasmi con la stessa qualití  artistica della pií¹ famosa e talentuosa stella del cinema.

Perché adorano i cocktail esotici dai colori differenti e ornamenti delicati, mentre noi prendiamo sempre il nostro solito whisky.

Perché non perdono ore a pensare come poter abbordare quel bellissimo ragazzo che è salito sull’autobus.

Perché noi veniamo da loro, torneremo a loro, e fintanto che cií² non accade, viviamo orbitando intorno al corpo e alla mente femminile.

E io aggiungo: noi uomini le amiamo perché loro sono donne. Semplicemente questo.